Quasi la metà delle nostre case ha livelli di umidità troppo alti. Oltre all’odore sgradevole e ai danni materiali, può causare problemi respiratori e altri effetti negativi sulla salute. Il nostro consiglio per eliminare quest’acqua non sana.

  1. Ventilare quotidianamente

Anche se è inverno e la temperatura esterna è intorno agli zero gradi, non c’è niente da fare! Ventilare la tua casa tra cinque e dieci minuti al giorno è essenziale per rinnovare l’aria ambiente ed espellere l’umidità in eccesso. Se possibile, crea una bozza tra più finestre. Se tutta la casa deve essere adeguatamente ventilata, insistere negli ambienti più umidi come il bagno o la cucina.

  1. Pulisci il VMC

VMC (Controlled Mechanical Ventilation) resta di gran lunga il miglior rimedio per rinnovare costantemente l’aria ed evitare così l’eccesso di umidità. Può essere a flusso singolo o doppio. Nel primo caso, il dispositivo si accontenta di aspirare l’aria dall’alloggiamento per respingerla all’esterno. Mentre un VMC a doppio flusso ha il vantaggio di poter recuperare il calore dall’aria estratta anziché gettarlo all’esterno. Affinché il funzionamento del vostro CMV sia ottimale, assicuratevi di pulire le prese d’aria una volta all’anno utilizzando un aspirapolvere. Con il tempo la polvere tende ad accumularsi sulle griglie con il rischio di impedire la circolazione dell’aria.

  1. Optare per i doppi vetri

Se le gocce d’acqua gocciolano all’interno delle finestre e spesso si appannano, è un chiaro segno di umidità. Con le finestre dotate di vetrocamera eviterai così eccessivi sbalzi di temperatura e limiterai i problemi di condensa. Un consiglio: installare delle griglie di aerazione sulla nuova falegnameria per consentire la circolazione dell’aria.

  1. Controlla la tenuta

Poiché il bagno  è noto per essere la stanza più umida della casa, assicurati di sigillare le cuciture attorno alla vasca, alla doccia e al lavandino. L’aggiunta di un riscaldatore può aiutare a seccare l’aria. Installa un radiatore scaldasalviette e, se ciò non è possibile, ci sono piccoli riscaldatori ausiliari che accendi prima del lavaggio e spegni quindici minuti dopo.

  1. Considera il deumidificatore

È possibile acquistare un deumidificatore  d’aria in commercio  . Avrai la possibilità di scegliere tra un dispositivo chimico o elettrico.

Il primo funziona sul principio della condensazione. Contiene una compressa o una cartuccia di cloruro di sodio. Questo assorbirà l’umidità per trasformarla in acqua. Quindi svuota il cestino. Un deumidificatore elettrico, invece, aspira l’aria umida contenuta nell’ambiente prima di asciugarlo, raffreddandolo, quindi riscaldandolo ad una temperatura identica a quella dell’ambiente in cui si trova. L’aria esce priva di umidità.

carbone

Carbone – Fonte: spm

  1. Guarda gli armadi

Quando apri i tuoi  armadi, emerge un cattivo odore di muffa. Probabilmente è a causa dell’umidità. Per assorbirlo, tutto ciò che devi fare è mettere alcuni pezzi di carbone in una scatola con un coperchio che ha dei fori in alcuni punti. Un metodo naturale ed efficace che non ti costerà molto.

Assicurati anche di liberare i mobili a pochi centimetri dalle pareti. In caso di umidità, l’aria deve circolare per evitare la formazione di muffe.

  1. avere il pollice verde

Alcune varietà di piante che vivono in ambienti tropicali hanno il potere di deumidificare l’aria circostante. Attingono l’acqua dall’aria per nutrirsi e ridurre così l’abbondante umidità nella tua casa. Ad esempio, la felce di Boston è la migliore in questo ruolo. Dovrebbe essere posizionato in un luogo luminoso, ma lontano dalla luce solare diretta. Se il tuo soggiorno ha poca luce, uno spathiphyllum sarà altrettanto efficace.

Ad occhio nudo

Per mantenere un interno sano, il livello di umidità deve essere compreso tra il 40% e il 60%. Non c’è bisogno di uno strumento di misura se la tua casa è al di sopra di questa media, alcuni segnali non sbagliano: presenza di nebbia alle finestre, odore di muffa, carta da parati o battiscopa scrostati, comparsa di macchie giallastre sulle pareti…