Se il terreno del tuo giardino ti sta dando problemi eterni, non sarai in grado di cambiare tutto dall’oggi al domani, ma dove necessario, puoi invertire la tendenza a un miglioramento duraturo.

Terreno sabbioso – Combina erica ed erbe

La sabbia è percepibile al tatto, perché è l’elemento più grande: un grammo di sabbia contiene circa mille particelle.

Vantaggi  : è un elemento pieno di vuoti, quindi arioso e che permette all’acqua di circolare facilmente. Il terreno sabbioso è ben drenato e sciolto. Gli strumenti vi affondano facilmente, così come le radici, che vi si sviluppano senza costrizioni. Le piante crescono velocemente.

Svantaggi  : trattiene seicento volte meno acqua dell’argilla… e si asciuga rapidamente dopo la pioggia o l’irrigazione. Insieme all’acqua, sono anche gli elementi minerali nutrienti che vengono portati in profondità.

Quali piante?  Bulbi (narciso, tulipano, aglio ornamentale e vegetale), graminacee (festuca azzurra, penniseto), piante mediterranee (timo, rosmarino, oleandro), sedum e altre succulente, oltre a quelle marittime (malvarosa, mimosa, ginestra , tamerice).

Come migliorarlo? Il bisogno è particolarmente sentito nell’orto, perché le verdure sono golose sia di acqua che di sostanze nutritive. La ricetta del miracolo: l’apporto di com post, sempre in superficie, da interrare superficialmente (10 cm) sulle superfici da seminare o attorno alle piante, una volta posate (pomodori). Nella buca puoi anche aggiungere terriccio. Il compost aumenta il livello di humus nel terreno: trattiene quindi meglio l’acqua e se ne arricchisce. Quindi non dimenticare di pacciamare, poiché il compost farà meglio il suo lavoro se rimane fresco.

Terreno calcareo – Le arance finte sono profumate

Il calcare nel terreno è un elemento minerale essenziale, se non in quantità eccessive! Si misura dal pH: superiore a 7, il terreno è calcareo; sotto, è più o meno acido.

Vantaggi:  le piante necessitano di piccole quantità di calcio, che possono ottenere solo dal terreno. Questo calcio in particolare li rende più resistenti alla siccità e ne attiva il funzionamento. È inoltre indispensabile per legare humus e argilla nel terreno, che lo rende fertile, flessibile e stabile, ideale per l’orto.

Svantaggi:  un eccesso di calcare danneggia alcune piante, in particolare impedendo loro di assimilare il ferro. Questa carenza provoca un ingiallimento del fogliame, detto clorosi, che può colpire il pero, il cotogno, il limone, il lupino, il liquidambar, la camelia… e, soprattutto, i rododendri e le azalee, che prediligono un pH compreso tra 4,5 e 5,5 (in altre parole, terreno acido).

Quali piante?  Acero campestre, biancospino, frassino, maggiociondolo, sambuco nero, arancio messicano, salici e corbezzolo. Il pero e il cotogno si adattano grazie all’innesto su varietà tolleranti, così come le rose (innestate su  Rosa laxa).

Come migliorarlo?  Per un rododendro o un acero giapponese di successo, piantali in contenitori, invece di scavare una grande fossa piena di terra di erica, che innaffierai con acqua… calcare di casa tua! Nell’orto  , portare quanta   più materia organica possibile (compost, compost, pacciame di foglie) alla base dei cespugli di lamponi.

terreno del giardino

Terreno da giardino – Fonte: spm

Terreno argilloso – I cespugli di rose sono felici

L’argilla è composta da particelle così fini da non essere percepibili al tatto: un grammo di argilla contiene circa novanta miliardi di particelle!

Vantaggi  : l’argilla trattiene più a lungo l’acqua di irrigazione, in profondità nel terreno, così come i minerali che nutrono le piante. Si tratta quindi di un terreno ricco, che rimane fresco, molto interessante nell’orto.

Svantaggi  : L’aria ha difficoltà a circolare tra le particelle di terreno. Il terreno argilloso può trattenere il 70% del suo peso in acqua e rimanerne pieno per tutto l’inverno. Tuttavia, la maggior parte delle nostre piante coltivate necessita piuttosto di un terreno drenato. D’altra parte, appena smette di piovere, la terra si restringe, forma delle crepe tra blocchi duri come cemento, che comprimono le radici e ne rallentano la crescita.

Quali piante?  Fatta eccezione per terreni molto umidi, l’argilla non è un problema a lungo per molti alberi e arbusti, che sviluppano rapidamente radici forti. Le rose  in particolare  prediligono i terreni argillosi. Tra le piante perenni ricordiamo daylilies, aster, acanto e flox.

Come migliorarlo? Al momento della semina, aprire una buca tre volte più grande della zolla della pianta da installare. Metti il ​​​​terreno estratto più scuro (1/3) in una carriola e mescola 1/3 di compost da orticoltura e 1/3 di sabbia o ghiaia. Riempi il buco con questa miscela, che è molto più morbida e ariosa del terreno originale. Innaffia e copri con pacciame. Generalizzare questa pratica all’orto. Nelle regioni molto umide, pianta patate, fragole e iris su cumuli alti 15 cm.

Terreno acido: raccogli le ortensie

Dove le case sono di granito, il terreno è generalmente acido, derivante dalla decomposizione di questa roccia nel seminterrato.

Vantaggi  : se alcune piante mostrano un’allergia al calcare, questo non è certo il caso in terreni acidi. I terreni acidi sono spesso sabbiosi, leggeri, facili da lavorare e drenanti.

Svantaggi  : sono spesso suoli poveri (brughiere di erica), in cui i nutrienti minerali sono pochi o non assimilabili. Un ambiente molto acido è sfavorevole all’abbondante vita del suolo, in particolare quella dei lombrichi, essenziali per la decomposizione dei rifiuti vegetali in humus.

Quali piante?  Come in Bretagna, anche qui hanno successo rododendri, camelie e  ortensie  , mentre   in terreni freschi prosperano felci e cornioli cinesi. In un terreno ben drenato e in un clima mite si raccolgono callistemons, protea sudafricane e altre rarità.

Come migliorarlo?  In un terreno molto acido, per nutrire ortaggi e alberi da frutto, aggiungere il compost in superficie (ancora una volta!) è davvero la soluzione. Prima di iniziare un orto, è consigliabile seminare del sovescio (senape, segale, erba medica o trifoglio), le cui numerose radici arricchiranno il terreno di sostanza organica e riporteranno gradualmente i lombrichi. In estate annaffiare poco e molto spesso per evitare la lisciviazione del terreno.

piantare fiori

Piantare fiori – Fonte: spm

Analizza il tuo terreno

  1. Usa un barattolo di vetro trasparente da 1 litro e riempilo per 2/3 con acqua.
  2. Prendi un po’ del tuo terreno e setaccialo per estrarre zolle e ciottoli. Aggiungi terriccio nel barattolo, finché l’acqua non raggiunge il bordo. Chiudete, agitate bene e lasciate riposare.
  3. Nota il livello della sabbia che si è depositata sul fondo del barattolo, usando un pennarello. Attendere un’ora, fino a quando l’acqua in superficie è limpida.
  4. Segna lo spessore di ogni strato (sabbia sul fondo, poi limo e argilla) e calcola la sua proporzione in relazione all’altezza totale della terra. Confronta con quello del terreno ideale, che contiene il 70% di sabbia, il 10% di argilla, il 10% di calcare e il 10% di humus.

È il momento giusto per…

Inizia a seminare

Non dimenticare di iniziare le piantine per l’autunno e l’inverno. In terra battuta (soprattutto non scavare), seminare la lattuga d’agnello e gli spinaci invernali. Puoi seminare lattuga invernale in vaschette alveolate, per risparmiare semi e ottenere spine facili da trapiantare: tieni una sola pianta per spina. Pensa ai ravanelli rosa e neri!

Tarp ed erba

Se stai trasformando parte del prato in un’aiuola o in un orto, ora è il momento di coprire l’intera superficie con un telo nero impermeabile. L’ultimo caldo estivo cucinerà le erbe e, di notte, i lombrichi le decomporranno in superficie, lavorando il terreno per scavare le loro gallerie. In pochi mesi sarà molto più facile realizzare
piantagioni.

Taglia gli arbusti

Ortensia, weigelia, cisto: se hai intenzione di piantare nuove siepi, aiuole o scambiare con successo le piante, prendi le talee dagli arbusti. Prendi i rami laterali non fioriti con tre inizi di foglie, rimuovi la metà inferiore del fogliame e pungi le talee in un compost per piantine. Innaffia e metti tutto in una mini serra: le talee si conservano meglio in un ambiente umido. Non forzare l’irrigazione, purché non abbiano formato radici.