Un rubinetto che perde non è una situazione piacevole in cui trovarsi. Indipendentemente dalla stagione, le perdite del rubinetto possono causare danni. Per non parlare del fatto che il rumore che fa un rubinetto che perde può essere fastidioso. Scopri alcuni suggerimenti per riparare da solo il tuo rubinetto che perde.

Un rubinetto che perde è sinonimo di perdita di grandi quantità di acqua potabile. Inoltre, rivolgersi a uno specialista dell’impianto idraulico contribuisce ad aumentare notevolmente le spese.

Come riparare un rubinetto che perde?

Prima di effettuare qualsiasi riparazione, è necessario identificare il guasto e la sua origine. Riparare un rubinetto che perde potrebbe sembrare semplice, soprattutto dopo aver visto un tutorial sui social media. Ma ricorda che ogni riparazione è unica. Dovrai seguire alcuni passaggi se vuoi risparmiare sulla bolletta dell’acqua.

riparazione

Rubinetto che perde – Fonte: spm

Ecco i passaggi da seguire per riparare un rubinetto che perde

  • Interrompere l’erogazione dell’acqua dal rubinetto che perde: Per evitare di allagare il pavimento e ottenere il risultato opposto al previsto, è indispensabile interrompere l’erogazione dell’acqua. Ciò consentirà, inizialmente, di fermare il flusso e quindi i rifiuti; quindi in una seconda fase per identificare l’origine del problema. L’ingresso dell’acqua è solitamente al contatore dell’acqua. Segui i tuoi tubi finché non lo trovi. Saranno il filo di Arianna che ti impedirà di perderti.
  • Svuotare il circuito dell’acqua:  a volte rimane dell’acqua nei tubi. Come può una riparazione avere successo se quest’acqua stagnante è sempre lì a confondere i binari? Sarà quindi necessario aprire il rubinetto per alcuni secondi fino a quando quest’acqua scorre e ti dà maggiore visibilità.
  • Blocca il lavandino o la vasca da bagno:  posiziona un asciugamano o qualsiasi altro oggetto sul fondo del lavandino o della vasca da bagno per bloccare l’accesso ai tubi. Va evitato che una vite cada all’interno rischiando di bloccarli.
  • Rimuovi le maniglie dal tuo rubinetto:  se hai bisogno di cambiare le guarnizioni dei polsi, dovrai sicuramente smontarle. Ricorda di essere metodico. Soprattutto, non dovresti perdere un pezzo lungo la strada! Una buona riparazione viene eseguita prendendo il tuo tempo e seguendo i passaggi necessari.
  • Rimuovere la testa del rubinetto:  questo passaggio è cruciale. Dovrai svitare il dado dalla testa del rubinetto. Per fare ciò, prendi una chiave dalla tua cassetta degli attrezzi. La testina finalmente rimossa, dovrà essere pulita con un panno in microfibra.
rubinetto che perde

Riparazione – Fonte: spm

  • Rimuovere e sostituire il sigillo difettoso: ci sei quasi! Il giunto usato è lì, a portata di mano, pronto per essere raccolto. Quest’ultima, destinata a garantire una perfetta tenuta della struttura, non è più in grado di assolvere alla sua missione. Dovrà essere rimosso delicatamente.  Coglierai l’occasione per pulire tutto dallo sporco apparente Quindi si posiziona la nuova guarnizione al posto di quella vecchia e si sostituisce tutta la struttura come prima smontando, riposizionando la testa del rubinetto al suo posto serrando il dado e poi rimettendo le maniglie. Questo è ciò che comporta la modifica di una guarnizione del rubinetto.
  • Controlla le condizioni del tuo rubinetto :  Dopo aver rimesso ogni parte al suo posto e aver sostituito quelle che dovevano essere, puoi ripristinare l’alimentazione ai rubinetti aprendo l’alimentazione dell’acqua. Quindi apri il rubinetto e guarda il risultato. È il tuo lavoro!

Se, dopo aver seguito tutti questi passaggi, il tuo rubinetto continua a gocciolare, chiama senza esitazione uno specialista. In un altro registro, scopri i diversi trucchi nel tuo bagno per risparmiare denaro .