Mentre usiamo spesso la lavastoviglie per pulire posate, pentole e un intero set di utensili, pochi di noi si preoccupano della sua manutenzione. Ma mentre questo rituale dovrebbe essere adottato regolarmente, abbiamo il diritto di porci questa famosa domanda: ogni quanto va pulito?

Se usi una lavastoviglie, è bene avere delle posate impeccabili. Tuttavia, sarà difficile ottenere risultati soddisfacenti se il dispositivo mostra tracce di sporco o è coperto da sporcizia e  persino muffa.  Quindi ci affidiamo a questo dispositivo per far brillare i nostri utensili, ma dimentichiamo che ha un costo. Pertanto, il dispositivo deve essere sottoposto a manutenzione e la domanda è “quanto spesso deve essere pulito?” “.

Lavastoviglie aperta

Ogni quanto va lavata la lavastoviglie?

Se la domanda è legittima, è perché pochissime famiglie si preoccupano di pulire regolarmente la propria lavastoviglie per preservarla. È quindi necessario effettuare una pulizia approfondita del dispositivo il  più spesso possibile , una volta al mese, per mantenere il dispositivo in buone condizioni.

Perché anche se a prima vista la tua lavastoviglie può sembrare immacolata, potrebbe comunque richiedere una manutenzione approfondita. Per una buona ragione, alcuni germi dannosi potrebbero aver trovato rifugio lì. Per questo motivo si  consiglia di pulirlo il più spesso possibile.

Segnali che indicano la necessità di pulire la lavastoviglie

Alcuni segnali dovrebbero avvisarti della manutenzione del tuo dispositivo. Tra questi, l’odore. Un  odore umido e di muffa è probabilmente il segno più evidente.

Un altro segno a cui prestare attenzione è la comparsa di tracce di umidità o  un accumulo di muffa  sulle pareti o sugli angoli della lavastoviglie.

Potresti anche notare delle macchie sui tuoi piatti, che probabilmente indicano che la lavastoviglie è intasata. Queste macchie possono essere spesso causate  da residui di cibo bloccati nella parte inferiore del dispositivo.

Consigli per una corretta pulizia della lavastoviglie

Una corretta manutenzione di una lavastoviglie richiede una pulizia approfondita, che prevede l’uso di buoni prodotti e l’attuazione di una certa metodologia. Potete quindi unire il bicarbonato di sodio e il succo di limone per  le loro proprietà sgrassanti e detergenti.  Il potere smacchiante e deodorante del bicarbonato di sodio e l’acidità del limone, che sgretola il grasso, puliranno efficacemente il tuo apparecchio.

Limone dentro una lavastoviglie

Per fare ciò, è sufficiente spremere il succo di un limone e versarlo direttamente nello scomparto del detersivo per piatti dell’apparecchio. Quindi attivare  un ciclo di lavaggio completo scegliendo il programma più caldo  e lasciare agire. Vedrai che l’acidità del succo di limone aiuterà ad abbattere il grasso incrostato sulle pareti e gli accumuli di sporco. Se anche il vostro elettrodomestico è molto sporco, si consiglia di aggiungere due cucchiai di sale grosso al succo di limone prima di attivare il ciclo di lavaggio. Si noti inoltre che è possibile sostituire il succo di limone con acido citrico o aceto bianco particolarmente efficaci contro il calcare.

Per quanto riguarda il bicarbonato di sodio, basta aggiungere 2 cucchiai di questo ingrediente prima dell’inizio del ciclo di risciacquo. Questo prodotto multiuso pulirà a  fondo la tua lavastoviglie assorbendo gli eventuali odori sgradevoli che potrebbe emanare. Terribilmente efficace!

filtro per lavastoviglie

Tieni presente che si consiglia inoltre di pulire il filtro del dispositivo per rimuovere eventuali particelle che potrebbero esservi state incorporate. Dopo averlo rimosso,  versaci sopra dell’acqua bollente  per eliminare eventuali accumuli di grasso. Infine, puliscilo con un panno imbevuto di aceto bianco prima di rimetterlo a posto.

Una pulizia accurata e regolare della lavastoviglie con prodotti naturali, preserva e perpetua l’efficienza del tuo elettrodomestico. Non esitate ad adottare questo metodo.