Gettare l’olio della scatoletta di tonno nel lavandino è una cattiva idea: ecco perché

Gettare l’olio della scatoletta di tonno nel lavandino è una cattiva idea: ecco perché

Il classico tonno sott’olio in scatola è molto spesso inserito nei nostri pasti, sia per guarnire un’insalata, sia per comporre un delizioso panino o per accompagnare un piatto freddo. Soprattutto perché è leggero e veloce da preparare. Ma dove butti l’olio di solito? Nel lavello della cucina, giusto? A volte anche in bagno. È un riflesso che quasi tutti abbiamo e che di per sé ci sembra molto logico.

Solo che è una cattiva idea: non te ne accorgi, ma questo gesto può danneggiare notevolmente l’ambiente e causare problemi imprevisti in casa. Scopri perché devi assolutamente cambiare questa cattiva abitudine.

Perché dovremmo evitare di gettare quest’olio nel lavandino?

tonno in scatola

Certo, ti sembra normale buttare via questo olio che non consumi. Solo che, come gli oli per friggere, non è riciclabile, quindi inquina l’ambiente. Ma non è tutto: una volta versato nel lavello, può portare anche all’intasamento delle tubature. Questo porta a cattivi odori e ristagni. Ad un certo punto, sarai costretto a risolvere il problema dell’ostruzione. E bisognerà evitare di utilizzare sostanze chimiche, altrettanto inquinanti e nocive, per  sbloccare il lavandino . Per prevenire tutti questi inconvenienti, è quindi meglio prendere l’abitudine di non versare quest’olio nel lavandino o nel wc.

Ma allora come liberarsene? L’opzione migliore sarebbe versare questo olio in un barattolo di vetro o in una bottiglia, allo stesso modo dell’olio per friggere. Conservarlo in un luogo fresco prima di inviarlo a un centro di raccolta specifico che si prende cura degli oli alimentari usati.

Olio di tonno in scatola: un concentrato di Omega 3

Duncan

Ma a proposito, perché considerare sistematicamente di buttare via questo petrolio? Se non ti piacciono gli sprechi, sappi che puoi consumarli tranquillamente. Ricca di Omega 3, questa sostanza è benefica per la salute. L’olio di tonno in scatola può quindi essere utilizzato in vari modi in cucina. In particolare per insaporire piatti a base di frutti di mare, friggere i calamari, preparare una zuppa di pesce… È anche possibile versarlo direttamente sul tonno per fare una gustosa crema da spalmare per le vostre tartine da aperitivo.

NB  : quando acquistate le vostre scatolette di tonno, optate per un olio di buona qualità, spremuto a freddo. Quindi puoi riutilizzarlo come desideri in tutti i tipi di ricette.

Come conservare correttamente le scatolette di tonno?

Le conserve   hanno una lunga durata Per conservarli in condizioni ottimali è necessario conservarli in luoghi freschi e asciutti dove non siano esposti alla luce del sole. Inoltre, affinché siano lontani da ogni fonte di calore, che rischia di danneggiarli velocemente, è meglio tenerli in un armadio o in dispensa in posizione ombreggiata, in un luogo riparato e ben chiuso.

Inoltre, è meglio mettere in prima fila le conserve più vecchie per consumarle prima e, e quelle appena acquistate, lasciarle piuttosto in fondo, perché avranno una shelf life più lunga. . Certo, è sempre più saggio controllare sempre la data di scadenza del cibo prima di consumarlo. In alcuni casi alcune conserve possono durare anche fino a due anni dalla preparazione.

Non è necessario riporre la scatoletta di tonno in frigorifero quando è chiusa. Ma, una volta aperto, si consiglia vivamente di mettere il tonno avanzato in un contenitore ermetico per alimenti e conservarlo in frigorifero per un giorno o due. Se il barattolo è di vetro, potete lasciare il tonno nella sua confezione, chiudendola bene.

Hit enter to search or ESC to close.