Nelle nostre cucine come nei supermercati, la pellicola trasparente, il foglio di alluminio o la carta forno fanno parte della nostra quotidianità. Hanno il vantaggio di conservare bene in frigorifero i nostri cibi cotti o di mantenerli caldi prima di mangiarli, evitando così che i microrganismi presenti nell’aria ne alterino le proprietà. Ma dove tieni il tuo rullino di pellicola trasparente?

Molte persone hanno l’abitudine di installarlo in un cassetto o nella dispensa. Tuttavia, sapevi che l’opzione migliore è invece conservarlo in frigorifero? L’idea sembra curiosa. Ma il motivo ti farà sicuramente piacere. Come usare la pellicola trasparente e perché tenerla in frigo? Le risposte alle tue domande sono qui.

L’uso della pellicola trasparente

avvolgere il cibo nella pellicola trasparente

La pellicola trasparente è particolarmente apprezzata per la facilità con cui è possibile ricoprire e proteggere gli alimenti da umidità, batteri e muffe. Previene inoltre la diffusione degli  odori . Questo materiale, infatti, è ideale per mantenere a lungo le caratteristiche degli alimenti che conserviamo in frigorifero. Grazie alla sua trasparenza è possibile controllare lo stato dell’alimento per avere una migliore visibilità sulla sua conservazione.

I materiali utilizzati per questo attrezzo sono svariati, ma soprattutto troviamo soprattutto PVC e polietilene.

Un consiglio per utilizzare correttamente la pellicola trasparente

rotolo di pellicola trasparente

Nonostante la grande facilità d’uso di questo prodotto, avrai probabilmente notato che molto spesso tendiamo a buttare via il rotolo prima che finisca, perché non riusciamo più a tagliare correttamente la pellicola. Anzi, a volte, nella fretta, non lo usiamo come dovrebbe. Pertanto, dopo un po’, diventa quasi impossibile avere fasce armoniose per avvolgere i nostri piatti.

Anche con l’ausilio di un coltello, per cercare di facilitare il taglio, il compito è davvero laborioso. Se si sbriciola in vari punti, come con la carta stagnola, il rotolo sembra non più utilizzabile. Alla fine finiamo per doverlo gettare nella spazzatura. Esiste però un trucco molto semplice che vi permetterà di risolvere il problema in modo da evitare sprechi e poter utilizzare le ultime strisce del rotolo.

Conservare la pellicola trasparente in frigorifero

Per stendere la pellicola trasparente senza danneggiare il tubetto o tagliarlo, l’opzione migliore è conservarla in frigorifero. La bassa temperatura del  frigorifero , infatti,  influenza la struttura molecolare del film e ne facilita notevolmente il taglio. Il freddo elimina l’elettricità statica e l’adesione, facilitando l’utilizzo.

Grazie a questo accorgimento riuscirete finalmente a tagliare la quantità necessaria di pellicola senza dover fare troppa fatica. Fai attenzione però, la plastica della pellicola diventerà di nuovo appiccicosa non appena si riscalda a temperatura ambiente.

Come conservare correttamente il cibo nella pellicola trasparente?

pellicola alimentare

È importante conservare  correttamente gli alimenti  e i vari prodotti per evitare sprechi e garantire la migliore qualità, sia nel gusto che nell’aspetto.

Flessibile, economica e versatile, la pellicola è diventata così uno strumento indispensabile in cucina. Si adatta a quasi tutte le superfici e il suo materiale aderisce al cibo come una seconda pelle. Pertanto, impedisce il contatto con l’ossigeno, ritarda il deterioramento degli alimenti e protegge da tutti i tipi di odori esterni. Molto più resistente del foglio di alluminio, la pellicola trasparente non si rompe e, essendo trasparente, ci permette di vedere facilmente il contenuto.

Per conservare correttamente gli alimenti è necessario:

  • Stendi uno strato di pellicola trasparente sul tavolo, senza tagliarla.
  • Posiziona il piatto, la ciotola o il cibo che desideri conservare su questo strato.
  • Passa sopra la plastica per avvolgerla completamente, raggiungendo nuovamente la base.
  • Continua ad avvolgere un altro strato attorno ai lati fino a coprire tutto lo spazio libero, con la stessa striscia o ritagliandone un’altra.