Parliamo spesso di lei perché il tempo non ha presa su di lei. Se il suo successo continua, è certamente perché spunta tutte le caselle nel campo dell’estetica e della decorazione domestica. Vuoi sapere come far vivere un’orchidea senza terra? Prova in acqua! Questo perché le orchidee coltivate in acqua sono simili a quelle che crescono senza essere radicate nel terreno. In effetti, sono disponibili due varietà: terrestre ed epifita. Queste ultime sono spesso chiamate “piante aeree” perché si nutrono principalmente di aria. Inoltre, non dipendono dalla loro pianta ospite per il cibo. Allettante, non è vero? Vi piacerebbe se cercassimo di vedere più chiaramente in questo settore? Segui la guida!

Cos’è un’orchidea idroponica?

Innanzitutto, è importante iniziare con il piede giusto. Essere consapevoli del fatto che idroponica significa che le piante vivono sull’acqua, senza suolo. Le orchidee Phalaenopsis si trovano solitamente in un vaso decorativo, ma possono anche stare sull’acqua. Allo stesso modo, le orchidee Kolibri sono piante le cui radici decorative possono respirare liberamente, proprio come in natura. Oltre ad avere splendidi fiori, vedere le radici rivela anche un vero e proprio valore aggiunto estetico. Per questo, di solito scegliamo di installarli in un bellissimo vaso trasparente. Ora vediamo più in dettaglio come far vivere un’orchidea senza terra.

Come far crescere un’orchidea senza terra?

Per coltivare un’orchidea senza terra, l’acqua sarà il tuo miglior alleato. Innanzitutto, rimuovi il vaso dalla pianta. Quindi, devi solo farlo passo dopo passo:

  • Rimuovere muschio e pezzi di corteccia
  • Districare delicatamente le radici
  • Risciacquare le radici
  • Tagliare qualsiasi materiale scolorito o marcio con una cesoia sterile

Quindi, la tua pianta sarà abbastanza pronta per essere collocata in un contenitore pieno d’acqua. Come altra possibile opzione, i sostenitori delle orchidee idroponiche usano anche ciottoli di argilla sul fondo del contenitore. Questo per sostenere le radici e sollevare la corona della pianta. Inoltre,  eviterebbe il rischio di marciume.  Altri preferiscono semplicemente lasciare la loro orchidea nell’acqua in modo permanente. Cambiano l’acqua ogni due settimane circa. Un’altra opzione è quella di immergere l’orchidea per due o tre giorni. Quindi lasciare asciugare per cinque giorni. Infine, ti consigliamo vivamente di tenere d’occhio. È osservando regolarmente la salute della tua orchidea che prenderai le decisioni giuste. In effetti, è rimanendo vigili che avrai indizi sulla sua crescita e salute. E potrebbe sperare di far vivere a lungo la tua orchidea.

Come coltivare un

 

Come prendersi cura di un’orchidea in un vaso di vetro?

State tranquilli, prendersi cura di un’orchidea in un vaso di vetro non è complicato. Per prendersene cura, prima assicurati che le radici dell’orchidea siano ben installate in un piccolo strato d’acqua di circa 3 centimetri. Lasciala in questo ambiente per una buona settimana. Se tutto va come dovrebbe, il tuo vaso dovrebbe essere vuoto alla fine di questo periodo. Cosa fare dopo? Ricaricalo con uno strato di circa 3 centimetri. Fai attenzione, fai attenzione a non annaffiare più del necessario. In effetti, un trabocco d’acqua può marcire le radici. Ti consigliamo di aspettare un po ‘prima di annaffiare di nuovo se l’acqua si esaurisce in meno di una settimana. Inoltre, ti consigliamo di controllare che il tappo spugnoso nel mezzo dell’orchidea non tocchi l’acqua alle radici. Ultimo consiglio: se all’orchidea piace la luce, evitare l’esposizione alla luce diretta. Questo potrebbe bruciare fiori e foglie.