Affinché la tua ortensia produca bellissimi fiori durante la bella stagione, non dimenticare questo gesto essenziale alla fine di febbraio. Faciliterà la sua crescita e fioritura.

In un giardino estivo non c’è niente di più bello delle ortensie in fiore. Queste piante sono apprezzate dai giardinieri perché non solo producono molti fiori incredibilmente colorati, ma sono anche perenni, il che significa che ricresceranno ogni anno una volta piantate. Se le ortensie necessitano di poca manutenzione, è fondamentale intervenire subito per evitare il rischio di avere fiori più piccoli, o addirittura arbusti spogli.

Febbraio è un periodo in cui la maggior parte dei giardinieri potrebbe essere preoccupata, poiché i danni dovuti al gelo possono facilmente danneggiare i fiori quando emergono dalla dormienza alla fine dell’inverno. Ora è il momento migliore per iniziare a controllare le tue ortensie e potarle adeguatamente per assicurarti che fioriscano una volta che il clima si riscalda con l’arrivo della primavera

Le ortensie dovrebbero essere potate a fine febbraio o al massimo all’inizio di marzo, prima che la pianta emerga completamente dalla dormienza per ridurre lo stress sul fiore causato dalle gelate invernali e per rendere più facile valutarne lo stato di salute ispezionando i rami spogli delle piante. La potatura viene effettuata anche per garantire che le ortensie non consumino energie sui rami morti o danneggiati, ma le riservino invece sulla nuova crescita in modo che fioriscano magnificamente in estate.

Devi ancora sapere come potare la tua ortensia. Lee Burkhill, un giardiniere pluripremiato, ha condiviso sul suo sito web Garden Ninja, che sapere come potare la pianta è essenziale per garantire “bellissimi fiori”. Spiega che lo pota alla fine di febbraio. Questa operazione è abbastanza rapida, “non lasciatevi scoraggiare dalle dimensioni, temendo di danneggiare la vostra ortensia” aggiunge.

Secondo Lee, potare le ortensie “non potrebbe essere più semplice” perché tutto ciò di cui hai bisogno è un paio di cesoie affilate e pulite. Ecco come farlo:

  1. Per iniziare, rimuovi le teste dei semi marroni essiccati che provengono dalla crescita dell’anno scorso e taglia semplicemente la nuova serie di germogli verdi.
  2. Ora che avete una visione più chiara dell’ortensia, eliminate circa un quarto dei fusti più vecchi e rimetteteli a terra con un taglio netto. Questo viene fatto per incoraggiare i fiori freschi e assicurarti di ottenere rapidamente petali più grandi e vivaci una volta iniziata la stagione della fioritura dell’ortensia.

  3. Successivamente, controlla il centro dell’ortensia, se gli steli appaiono affollati o troppo cresciuti. È sufficiente diluire ed eliminare eventuali rami aggrovigliati o incrociati, poiché danneggiano la pianta e ne rendono più difficile il mantenimento nel tempo.

  4. Taglia gli steli rimanenti sopra un bocciolo a 1/3 dell’altezza o in corrispondenza di un nodo principale per evitare che le ortensie diventino troppo pesanti in alto una volta che iniziano a fiorire.

  5. Il passaggio finale è ispezionare la tua ortensia e assicurarti che abbia un aspetto sano e aperto con abbondante circolazione d’aria.