Compostaggio, diserbante naturale, pacciame organico, biodiversità, sovescio… queste tecniche di giardinaggio proposte da Henry Lavenduc, giardiniere della Drôme. Ecco alcuni consigli di giardinaggio da provare subito.

1 – Doppia potatura per lavanda

Ci sono tutti i tipi di teorie sulla cura delle piante di lavanda. L’ideale è potarli due volte. Una volta dopo la prima fioritura, a fine estate: non aver paura di tagliare molto, ma lascia sempre delle foglie, per evitare che la pianta faccia legno. La seconda potatura avviene ad aprile, quando i primi germogli sono già ben formati. Tagliate poi qualche centimetro. La fioritura sarà solo più rigogliosa.

2- Risorto!

Se pensi che la tua pianta di lavanda sia prossima alla morte, puoi comunque provare a farla rivivere. Potalo vigorosamente a marzo o aprile, fino al legno. Con un po’ di fortuna, la tua lavanda avrà già ripreso colore in estate. Tuttavia, ci vorrà un anno per vederlo rifiorire.

3- Colori in ombra

Per colorare le zone d’ombra sotto alberi e arbusti, specie vegetali resistenti alla siccità, all’ombra e al suolo povero. Esempi: Primule, Ciclamini, Arum italicum e Cardamine.

4- L’effetto farfalla

È facile attirare le farfalle nel tuo giardino, a condizione che tu installi le piante giuste: fichidi, asclepiade, verga d’oro. Ma puoi anche favorire le piante che ne promuovono lo sviluppo. Alcune farfalle installano la loro crisalide negli steli delle ortiche. Quindi abbi cura di averne un po’ nel tuo giardino. Piantali in un vaso di plastica da cui hai tolto il fondo, in modo da evitarne la proliferazione. Il trucco del vaso che perde può essere utilizzato anche per altre piante che tendono ad essere invasive, come la menta.

5- Fioritura prolungata

Prima del giorno più lungo (21 giugno), puoi potare le tue piante perenni a fioritura tardiva di 1/3 o ¼ della loro altezza. Accorciati appariranno nuovi germogli che fioriranno più tardi del normale. Pertanto, la tua aiuola rimarrà in fiore più a lungo.

6- Dividi le piante perenni

A partire da aprile, le piante perenni di solito crescono abbastanza grandi da potersi dividere. Estrarre le piantine da terra con una vanga e dividerle con un coltello o con le mani. Ripianta le nuove talee, poi dai loro acqua e un po’ di fertilizzante organico. Otterrete così, anche quest’anno, nuove piante robuste. Quando le piante perenni invecchiano, a volte è consigliabile scartare le parti più vecchie e ripiantare solo i giovani germogli. È il loro miglior rifacimento.

7- Invita un solitario

Il riccio è l’ultimo mangiatore di lumache. Troverà facilmente la strada per il tuo giardino o ti assicurerai che possa entrare sotto la recinzione e trovare un riparo adeguato. Li attireranno anche un piattino di crocchette (o paté) per gatti e qualche madeleine. Non dimenticare l’acqua (mai il latte!) installando una pietra al centro per evitare che il contenitore si ribalti.

8- Coltiva un prato fiorito

Un pezzo di prato fiorito è molto più ricco di biodiversità del tuo prato falciato vicino. Molti insetti vengono a raccogliere il polline di questi fiori , che sono simili a quelli che crescono in natura. Inizia convertendo un pezzo del tuo prato: bastano da 1 a 2 metri quadrati per aumentare velocemente la biodiversità del tuo giardino. Per questo, ricorda di seminare ad aprile.

9- Attacco di lumaca

Dalla primavera, le lumache invadono i giardini, divorando le tue piante preferite. Per ovviare a questi indesiderabili, ora ci sono granuli organici (ad esempio Escar-Go di Ecoflora) da spargere intorno alle piante che le lumache amano, ma che le seccano, pur essendo sicure per l’uomo e gli animali domestici.

Se sei un fan delle ricette della nonna, puoi provare queste: spalmare il caffè macinato (non decaffeinato!) sulle foglie delle ambite specie: le lumache lo inghiottiranno contemporaneamente alla pianta e non resisteranno alla caffeina… Versare fondente birra in un contenitore (bottiglia di plastica, lattina vuota) e posizionarla vicino alle piante da proteggere, in diagonale nel terreno. Le lumache, che lo adorano, annegheranno lì. Le lumache e soprattutto le lumache non mangeranno più le vostre foglie grazie ai gusci d’uovo, una barriera naturale.

10- Vai more!

Raccogliere deliziose more sotto il sole estivo è possibile! Ma bisogna stare attenti, perché i gelsi tendono a brulicare. Metti un paletto per sostenere le piante e supponi che più poti, più frutti raccoglierai.

11- Semina un giorno, fiori sempre

Ad aprile il clima si scalda lentamente e diventa possibile seminare in piena terra. Il California Poppy Eschscholzia dà ottimi risultati. Rastrella bene il terreno, scava una trincea e riempila di terriccio. Stendete lì i semi e copriteli con uno strato molto sottile di sabbia (i semi non possono essere più profondi del loro stesso spessore). Picchiettare leggermente e annaffiare con un getto delicato. Quando le piante escono dal terreno, puoi ancora potarle o spostarle. Fioriranno abbondantemente per tutta l’estate e si risemineranno. Sconsigliato a chi vuole controllare tutto nel proprio giardino!

12- Morto o vivo?

Durante la potatura, come fai a sapere se un ramo è morto o no? Taglia un’estremità; se appare il verde, non è ancora morto e c’è speranza che si riprenda.
Tuttavia, se il legno è marrone, secco e fragile, puoi potarlo senza esitazione. Il legno morto è sgradevole e la putrefazione può facilmente depositarsi al suo interno, il che può eventualmente contaminare i rami sani.

13- Doping naturale

Rimuovere il più possibile i fiori appassiti. Nella maggior parte delle piante perenni, questo stimolerà la comparsa di nuovi boccioli di fiori. Allo stesso modo, quando raccoglierai i fiori delle piante perenni con una produzione abbondante per fare dei bouquet, stimolerai la loro fioritura…

14- Il traguardo dei 5 anni

Dopo 5 anni, le erbe aromatiche perdono sapore e profumo. Quindi dissotterra la pianta e conserva solo le parti esterne per fare nuove talee. Questi si sono effettivamente sviluppati per ultimi e sono quindi più giovani. Zappa il terreno e posiziona le piante ringiovanite in una nuova posizione. Il successo è garantito nella maggior parte dei casi.

15- Pianta il suo nome

Se hai un orto e bambini piccoli, chiedi loro di scrivere i loro nomi per terra. Su questa pista seminate crescione o qualsiasi altra pianta con foglie piccole. Quando questi usciranno, apparirà il nome della tua prole, tutta vestita di verde.

erbacce da giardino

Erbacce in giardino – Fonte: spm

16- Elimina le erbacce!

A maggio, tutta la vegetazione subisce una crescita esplosiva, comprese le erbacce. Per evitare ciò, copri il terreno il più possibile. Praticate la “solarizzazione” coprendo l’area da diserbare con un telo di plastica nera, in estate. Fai lo stesso con le vecchie scatole impilate. Puoi densificare le tue piante perenni, spargere trucioli di legno o piante tappezzanti tra piante e aiuole (pervinche,  gerani selvatici , manto di dama). Hanno il vantaggio di crescere rapidamente e hanno un bell’aspetto se piantati in grandi aree. Più si diffondono, meno dovrai mantenere il tuo giardino.

17- Erbacce non così cattive

Non tirare le erbacce con radici ostinate (erba gottosa, quackgrass, convolvolo). Ogni pezzo di radice ricresce davvero immediatamente!

Se l’erba è scivolata tra le tue perenni, dissotterra tutta la pianta, rimuovi tutto ciò che è indesiderabile e poi ripianta la tua perenne, dopo aver tagliato le estremità delle foglie (per limitarne il fabbisogno idrico e favorire la ripresa delle radici) e annaffiare abbondantemente.

Grazie alle loro potenti radici, il tarassaco e l’erba tossica allentano il terreno e lo arieggiano. La margherita, il fleabane, il papavero, il trifoglio, il cardo, il dente di leone, l’ortica, il convolvolo attirano api, farfalle e molti insetti utili. Come la menta, una copertura del suolo molto efficace che soffoca altre erbacce e avverte il giardiniere di acqua stagnante nel terreno. Mescolate tra loro, le erbacce formano un ottimo compost, un efficace sovescio e possono essere utilizzate anche per pacciamare il terreno.

18- Combina per raccogliere meglio

Certe combinazioni di verdure favoriscono i buoni raccolti: il cerfoglio caccia gli afidi dalla lattuga; sedano e camomilla impediscono l’assalto dei moscerini nei porri; la salvia e il timo tengono lontane farfalle e bruchi dal cavolo cappuccio; le calendule tengono a bada tutti gli insetti, dato il loro odore sgradevole.

19- Rucola per sempre

La rucola si raccoglie fino a dicembre. Semina i semi a 5 cm di distanza in file a 15 cm di distanza. Raccogliete la rucola usando un coltellino affilato. Taglia le foglie dalla base. Ricrescerà particolarmente rapidamente se lo metti in un luogo soleggiato, concimato e leggermente umido.

20- Diga di irrigazione

All’inizio arbusti e piccoli alberi appena piantati hanno bisogno di molta acqua. Costruisci un piccolo argine attorno al loro tronco, con terra o pietre in modo che l’acqua non scorra direttamente.

21- Insalata in vasetto

Hai poco spazio, ma vorresti comunque coltivare la tua insalata? Nessun problema ! Acquista le piantine da un vivaio (o seminale tu stesso) e trapiantale in un grande vaso sul tuo patio, balcone o giardino. Attenzione però: la lattuga ha bisogno di molta acqua e fertilizzante (es. fertilizzante liquido per piante d’appartamento). Da metà giugno circa, a seconda del tempo, potete già guarnire i vostri piatti con le prime foglie di insalata della casa!

22- Abbeveratoio per uccelli

Ti piacciono gli uccelli? Puoi attirarli facilmente con l’aiuto di un abbeveratoio posizionato in giardino. Lo berranno e vi faranno il bagno. Si prega di assicurarsi che la vasca non sia troppo profonda e che i bordi siano leggermente inclinati. Non posizionarlo alla luce diretta del sole o alla portata dei gatti del vicinato. Cambiare l’acqua regolarmente per prevenire la formazione di alghe. In autunno, non tagliare i fiori appassiti del tuo giardino.

Potresti attirare altre specie di uccelli. Cardellini, verdoni e cincia come semi di girasole, il redpoll ama l’enotera. Più ampio è il menu, maggiore è la varietà di uccelli. E siccome mangiano anche gli insetti… Se hai un cespuglio di bacche nel tuo giardino, raccogli le bacche e asciugale per servirle agli uccelli in inverno.

piantare un albero

Pianta un albero – Fonte: spm

23- Pianta un albero

Per piantare un albero, scava una buca larga, ma non troppo profonda. Dovrebbe essere spinto saldamente nel terreno e rivolto a ovest o sud-ovest. Quindi installa l’albero. Assicurati che le sue radici abbiano abbastanza spazio. Lega l’albero e il suo paletto, lasciando un piccolo gioco tra il tronco e il supporto. Soprattutto, l’albero non deve sfregare contro il paletto, questo potrebbe danneggiarlo gravemente.

Non è un gatto I gatti del vicinato sono abituati a razzolare il tuo orto, le tue fioriere, i tuoi vasi e persino le tue aiuole? Seppellisci alcune palline di naftalina nella terra. Li calmeranno rapidamente!

24- Per le vacanze

Se vai in vacanza a luglio o agosto, quando il tuo giardino è al suo apice, ecco alcuni suggerimenti per aiutarti a ritrovarlo in buone condizioni al tuo ritorno. Prima di partire falciare l’erba e stendere lo sfalcio nelle aiuole. Pertanto, il terreno si asciugherà meno rapidamente. Dai molta acqua a tutte le tue piantagioni e raccogli le piante da balcone in un angolo ombroso, per limitare l’evaporazione… e per facilitare il compito dell’anima buona che alla fine verrà ad annaffiare tutto durante la tua assenza. Rimuovi anche i fiori appassiti in modo che altri possano sbocciare prima del tuo ritorno.

25- Una coperta invernale

In autunno, raccogli le foglie morte con un rastrello e stendile nei letti, intorno alle tue piante perenni. Questo tappeto li proteggerà dal freddo estremo.

26- Il ritorno delle Dalie

Considerate a lungo antiquate e riservate ai giardini delle nonne, le dalie stanno tornando di moda, il che merita qualche consiglio di coltivazione. Da metà aprile mettere i tuberi in chips di torba. Non appena compaiono i primi germogli, mettili in vaso. All’inizio di maggio puoi portare fuori le piante durante il giorno. A metà maggio, trapiantali nel terreno. Le dalie fioriscono da agosto a ottobre. Naturalmente, puoi saltare il primo passaggio e acquistare una pianta in vaso da un vivaio per metterla nel terreno a metà maggio.

27- Per una seconda fioritura

Potare completamente Gerani, Campanule (Campanula porscharskyana) e Mantello della Madonna (Alchemilla mollis) dopo la fioritura, lasciando solo il giovane cuore della pianta. Godrai così di una seconda fioritura. Con i lupini e lo sperone, tagliare solo i fiori appassiti, quindi rompere lo stelo in modo che l’acqua non vi penetri (che fa marcire la pianta). Le piante perenni che hai stimolato in questo modo, tuttavia, avranno bisogno di più acqua e fertilizzante.

28- Profumo abissino

Ti piacciono gli odori potenti che ricordano le vacanze sulla sabbia? Pianta i gladioli abissini (Acidanthera)! Ogni bulbo, interrato ad una profondità di 10 cm in un terreno non troppo compatto, darà un bel fiore bianco con un cuore viola. Durante la fioritura, l’odore si diffonderà fino a due metri intorno.

In combinazione, ad esempio, con i gerani selvatici, il risultato sarà ancora migliore. Piantali in aprile-maggio, dopo le ultime gelate. Durante la fioritura, annaffiali una volta alla settimana e, ogni 15 giorni, somministra loro del fertilizzante liquido diluito. Ciò allungherà notevolmente il periodo di fioritura. Successivamente, quando i gambi iniziano ad asciugarsi, dissotterra i bulbi e lasciali appassire in un luogo “morbido” (es. in cantina). Quindi sbucciateli, tagliate le foglie e conservate i bulbi in un luogo asciutto e buio fino all’anno successivo.

29- Fiori estivi resistenti

L’aglio ornamentale viene piantato a novembre. In primavera le foglie escono dal terreno. A maggio, sulla sommità degli steli lunghi e robusti, si formano palline di piccoli fiori. Anche l’aglio ornamentale appassito decora meravigliosamente le aiuole. L’ideale è associarlo a piante da fiore di taglia più piccola.

30- Niente zanzare!

Un buon modo per tenere a bada le zanzare è mettere la lavanda in giro o sul patio, in vaso o nel terreno. L’essenza di lavanda non è usata solo in profumeria. Viene anche utilizzato nella produzione di olio repellente per zanzare.

31- Una noce contro le mosche

Se vieni invaso dalle mosche, pianta un albero di noce (Juglans regia)! In passato, a volte era addirittura obbligatorio piantare questo albero vicino a cumuli di letame.

32- Malattia delle rose

Rimuovere sempre le foglie cadute dalle rose, poiché possono trasmettere malattie alla pianta. Durante i mesi autunnali e invernali, potresti non rendertene conto, ma se le tue rose si ammalano in primavera, la colpa potrebbe essere dei rifiuti dimenticati.

33- Potare gli arbusti a fioritura primaverile

Gli arbusti a fioritura primaverile comprendono quelli che fioriscono fino a metà giugno (es. forsizia). I loro fiori crescono sui rami formati l’anno (o gli anni) precedente… Parliamo addirittura di “fioritura su legno vecchio”. Subito dopo la fioritura, rimuovere i vecchi rami. Ciò manterrà la tua pianta giovane e sana.

34- Pota gli arbusti a fioritura estiva

Nel caso di arbusti a fioritura estiva (es. cespuglio di farfalle, ibisco). I fiori sbocciano sui rami formatisi nei mesi precedenti. Si tratta qui di “fioritura su legno giovane”. Per queste specie, potare tutti gli steli in primavera. In questo modo la pianta rimarrà vigorosa, giovane e molto fiorifera. Inoltre, se tieni sotto controllo la crescita, anche i rami più bassi rimarranno produttivi.

35- Acque agitate

Spesso, senza saperlo, si creano veri e propri focolai di zanzare. L’acqua stagnante, in particolare, favorisce la loro moltiplicazione. Evitare di conservare l’acqua in una bacinella o in un barile, per esempio. Puoi, tuttavia, introdurre pesci che mangeranno le larve prima che abbiano il tempo di svilupparsi.

36- Pacciamare il terreno per proteggere le colture

La consolida maggiore è una pianta naturalmente ricca di nutrienti di cui le verdure hanno bisogno per la loro crescita. Usalo per pacciamare le tue piante. Risparmierai tempo sul diserbo, irrigherai meno. Sarà lo stesso per la concimazione: la consolida pur proteggendo il terreno, distribuirà delicatamente i suoi nutrienti che andranno a pieno beneficio alle verdure del tuo orto. La consolida maggiore è anche un ottimo repellente per mosche.

37- Organico contro le malattie

L’equiseto è terribilmente efficace come trattamento preventivo contro le malattie crittogamiche – funghi come l’oidio – delle piante e del suolo. L’equiseto è utile contro lo smorzamento. Per evitare ciò, immergi i semi in un decotto di equiseto diluito al 5% in acqua. Utilizzare latte vaccino intero diluito al 10% per combattere le varie muffe
. Gli oli di colza sono efficaci contro i germi fungini e le cocciniglie. Applicali sugli alberi da frutto in inverno. Adottare un’azione preventiva contro lo smorzamento delle piantine cospargendo la superficie delle terrine con carbone finemente macinato. Usa l’argilla (bentonite o montmorillonite) per controllare molte malattie degli alberi da frutteto. Diluire da 20 a 50 litri di acqua da spruzzare preventivamente sulle giovani foglie.

38- Usa lo strato caldo

Lo strato caldo è un terreno che si riscalda naturalmente e su cui le piantine, sotto i telai, beneficiano di condizioni ideali. Mettere un primo strato di 50-70 cm di letame equino. In cima, aggiungi 20 cm di una miscela di terra e composta. Quindi copri. La reazione di fermentazione che segue può aumentare la temperatura a 70°C in 10-15 giorni. Devi aspettare che scenda a 25°C per iniziare la semina. In genere, si verifica pochi giorni dopo il picco.

39- Associo piante amiche

Se è fondamentale mescolare piante con esigenze diverse per favorire buoni raccolti ed evitare di impoverire il suolo, le regole del buon vicinato sono altrettanto importanti in un orto biologico: alcune piante non si sopportano e muoiono quando sono insieme, altre, dall’altro, stimolarsi a vicenda, proteggersi a vicenda dai parassiti e quindi prosperare in modo ottimale. Diversificare le specie e combinarle sapientemente sono il modo migliore per proteggere il tuo giardino lasciando che la natura faccia il suo corso.

Alcuni esempi di piantagioni da compagnia di successo: Con il loro profumo molto forte, le erbe aromatiche, così come calendule e calendule, proteggono le specie vegetali confondendo il sistema di rilevamento dei parassiti o agendo da repellente (salvia e rosmarino respingono la mosca della carota, il rosmarino respinge il cavolo cappuccio farfalla, timo spaventa le lumache, ecc.).

Il basilico facilita la buona crescita del pomodoro migliorandone il gusto, la digitale favorisce la resistenza delle piante crescendo vicino ad esse.

Piantata ai piedi delle rose, la lavanda protegge dai parassiti, proprio come il nasturzio, che respinge mosche bianche e formiche e attira gli afidi: basta tagliarne gli steli intrecciati per sbarazzarsi di questi predatori.
In caso di siccità, le verdure con vegetazione ampia (pomodori, fagioli rampicanti, ecc.) forniscono alle insalate un riparo indispensabile.

40- Alternative ai pesticidi

Il giardiniere biologico dispone di una vera e propria farmacia verde fatta di prodotti comuni che aiutano le piante a resistere agli attacchi dei parassiti, causa di molte malattie, nel rispetto dell’equilibrio ecologico. Da tenere sempre a portata di mano: la miscela bordolese, una miscela di lime e solfato di rame, previene e cura le malattie degli alberi da frutto (muffa, vesciche, cancri, ecc.). Il sapone nero in decotto, spruzzato sulle foglie delle piante, previene gli attacchi di afidi, ragni rossi e alcune cocciniglie.

La polvere di piretro, da una pianta vicina ai crisantemi, paralizza gli insetti parassiti. Il Bacillus thuringiensis, presente in alcuni insetticidi biologici, è un batterio di formidabile efficacia contro i bruchi. L’equiseto in decotto (o venduto in polvere in commercio) aumenta la resistenza delle piante alle malattie causate dai funghi.

Il sapone nero ha proprietà antibatteriche e insetticide. Aggiungere 5 cucchiai di sapone nero in 1 L di acqua tiepida.