Dopo aver lavato i piatti e le posate, hai una particolare abitudine all’asciugatura? Perché da una parte c’è chi ha il riflesso automatico di mettere i piatti nell’armadio o nei cassetti, anche quando sono ancora un po’ bagnati. D’altra parte, ci sono alcuni maniaci che non sopportano di vedere una sola goccia d’acqua sul piatto, che la asciuga senza sosta. E poi, certo, c’è ancora chi lascia tranquillamente asciugare i propri piatti all’aria aperta. Basti dire che la polemica infuria. Allora in che campo ti trovi: è necessario asciugare bene i piatti dopo il lavaggio o è solo una perdita di tempo? Ecco alcuni modi per decidere meglio sulla questione.

Chi avrebbe ragione e chi torto?  Non esiste una risposta giusta o precisa alla domanda. Ognuno ha le proprie abitudini, quindi ognuno fa un po’ come si sente. Tuttavia, sarebbe comunque bene dettagliare un po’i  vantaggi e gli svantaggi di pulire i piatti dopo il lavaggio . Con un asciugamano o all’aria aperta? Cercheremo di sollevare il velo sulle opzioni più consigliate. Chissà, qualcuno potrebbe anche voler cambiare le proprie abitudini.

pulire i piatti

Devi asciugare i piatti dopo il lavaggio?

Gli oppositori della pulizia dei piatti con un tovagliolo hanno un valido argomento: credono che questo processo sia totalmente antigienico e che i villi possano rimanere in superficie. Inoltre, riutilizzare un tovagliolo di stoffa rischia di diffondere batteri nelle stoviglie. Naturalmente, affinché gli asciugamani siano sempre puliti, devono essere lavati regolarmente. È vero, puoi acquistare asciugamani di carta o un panno in microfibra, ma questo comporta una spesa aggiuntiva.

Ecco i motivi per cui i piatti dovrebbero essere puliti con un panno pulito:

Per evitare l’umidità nei pensili della cucina

Se metti i tuoi piatti e le tue ciotole ancora un po’ bagnati sui ripiani in truciolare, l’umidità potrebbe nel tempo alterare l’aspetto del mobile. Per non parlare della quasi inevitabile formazione di funghi e muffe. Che è pericoloso per la salute.

Per rimuovere macchie e macchie d’acqua dalla superficie delle lastre

L’asciugamano è utile anche per evacuare la placca che si forma a causa del calcare e dei sali minerali contenuti nell’acqua del rubinetto. Pulindo bene i tuoi utensili, saranno perfettamente asciutti e lucenti.

Per rimuovere residui di detersivo e batteri.

Il risciacquo regolare non garantisce che tutte le sostanze chimiche vengano completamente rimosse. Alcuni residui possono rimanere ancora incrostati: l’utilizzo di un asciugamano può garantire un’igiene impeccabile e tutte le placche indesiderate spariranno. Inoltre, un panno pulito può addirittura rimuovere fino al 90% dei batteri dalla superficie.

Come asciugare i piatti dopo il lavaggio?

  • Un piccolo asciugamano in materiale naturale è l’ideale per pulire i piatti. Attenzione però alla sua igroscopicità, cioè alla sua capacità di assorbire l’umidità dall’aria. Più è alto, meglio è.
  • Per asciugare all’aria, stendi un panno vicino al lavandino e appoggiaci sopra gli utensili lavati. Quando la maggior parte dell’acqua si è scaricata, ordina i tuoi piatti.
  • Anche i bicchieri e gli utensili di metallo devono essere asciugati. Per questo, i tovaglioli di carta o un panno in microfibra sono l’ideale per questi materiali.
    • Al termine della procedura, tutti i tovaglioli di stoffa devono essere lavati e asciugati.
    stoviglie asciutte in lavastoviglie

    Infine, i piatti devono essere asciugati o no dopo il lavaggio?

    Ovviamente la scelta è sempre tua. Ora è ancora più conveniente. Ovviamente il problema non si pone per  i possessori di lavastoviglie , dato che la macchina fa già tutto per loro. Quando lava i piatti, esce asciutta. Non serve più l’asciugamano!